Orzotto con zucca, castagne, salvia e rosmarino

Mi piacciono i risotti.. mi piace che richiedano cura e pazienza nella loro preparazione e che debbano essere coccolati dall’inizio alla fine (io sono una convinta sostenitrice della scuola per cui il risotto va mescolato, eccome se va mescolato!). Anche se, in fin dei conti, si tratta di un piatto semplice, profondamente radicato nei cromosomi e nelle tradizioni familiari di ogni italiano medio, da sempre associo la preparazione del risotto ad un piccolo evento speciale.. Non so perché, ma dire “stasera preparo un risotto” mi fa sentire un po’ chef, mi cala addosso un mood particolare, per cui so che, con un congruo anticipo, dovrò preparare tutti gli ingredienti tagliati nel modo giusto, pesati, magari suddivisi in piccole ciotoline da cui attingere mano a mano che la preparazione procede.. Mah, forse starete pensando che mi faccio degli strani trip, ma che ci volete fare!? Ognuno ha le sue piccole manie e i suoi piccoli rituali e, per me, quello del risotto è un rituale dolcissimo! Detto questo, la ricetta di oggi non è un risotto! 🙂 Il caro, buon, vecchio riso, infatti, è stato spodestato da un altro cereale che adoro e che, mio malgrado, utilizzo poco: l’orzo! Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail