Salmone al pepe rosa e zenzero con crema di finocchi e pere

Il salmone, oltre ad essere uno dei miei pesci preferiti, è anche uno di quelli più ricchi di Omega 3 (i famosi acidi grassi che favoriscono l’abbassamento del colesterolo cattivo a favore di quello buono, prevenendo così varie malattie, fra cui quelle cardiovascolari e la demenza senile), assieme a sardine, tonno, aringhe e sgombro. Normalmente, cuocio il salmone al forno, ma stavolta ho optato per una cottura diversa e più simpatica alla mia bolletta. Ho fatto cuocere i miei tranci in padella per pochi minuti, ottenendo un risultato sopra le aspettative: la carne è risultata deliziosamente tenera, per nulla stopposa ed è riuscita ad assorbire egregiamente tutti gli aromi che ho aggiunto in cottura. Ho inoltre deciso di accompagnare questo secondo di pesce con qualcosa di diverso dalle solite patate o dalla classica insalata di finocchi e arance (che comunque col pesce si sposa benissimo!). I finocchi sono stati protagonisti, ma con un abbinamento per me inedito: le pere! La ricetta l’ho trovata nell’ultimo libro di cucina che ho comprato e mi ha subito conquistata! Ho apportato qualche piccola variante alla ricetta originale (strano, vero!?), che utilizzava cipolla e aglio per il soffritto, mentre io ho preferito optare per i più stagionali e delicati cipollotti. Ad ogni modo, il risultato è stato una cenetta deliziosa, leggera e freschissima, da rifare assolutamente! 🙂

Ingredienti (per 2 persone):

2 tranci di salmone fresco (circa 400 g)
1 limone bio (succo e scorza)
1 cm di radice di zenzero fresco grattugiata
qualche grano di pepe rosa spezzettato
aneto fresco (o secco)
1 cucchiaio di olio evo
sale nero di Cipro (se ce l’avete)

Per la crema:
1 finocchio
1 pera piccola
1 cipollotto fresco (io ho usato quello di Tropea)
400/500 ml di acqua
1 cucchiaino di brodo vegetale granulare bio
1 cucchiaio di olio evo

Preparazione:

Iniziare con la preparazione della crema. Affettare il cipollotto, trasferirlo in una casseruola con un cucchiaio d’olio e uno d’acqua, e farlo rosolare dolcemente per un paio di minuti. Nel frattempo, mondare il finocchio e tagliarlo a pezzetti piuttosto piccoli (questo permetterà di ridurre i tempi di cottura). Unire anche il finocchio nella casseruola con altri 3/4 cucchiai d’acqua e il brodo granulare, e farlo cuocere per circa 4 minuti. Aggiungere la pera, sbucciata e tagliata a pezzi, coprire a filo con l’acqua, e lasciar cuocere per circa mezzora, o finché il finocchio non risulterà tenero.

Frullare la crema con un mixer a immersione, prelevando eventualmente un po’ d’acqua di cottura al fine di ottenere una consistenza piuttosto densa. Tenere da parte fino al momento di servire e passare alla preparazione del pesce.

Controllare i tranci di salmone passandoci sopra una mano per individuare eventuali lische, che occorrerà eliminare con l’aiuto di una pinzetta. Trasferire il pesce in una padella dal fondo spesso con un cucchiaio d’olio, il succo e la zeste di limone, lo zenzero grattugiato, i grani di pepe rosa e l’aneto. Salare, coprire con un coperchio e cuocere a fiamma media per una decina di minuti. Il salmone sarà pronto quando diventerà opaco, rimanendo tenero e leggermente rosato all’interno (se preferite una cottura più decisa, prolungatela di un paio di minuti, ma non eccedete o rischierete di rendere un po’ stopposo il vostro pesciolino).

Impattare il salmone accompagnandolo con una ciotolina di crema ai finocchi e pera: si tratta di un abbinamento davvero originale e molto delicato. La dolcezza della crema si sposa benissimo con il gusto pungente dello zenzero e del pepe rosa: un matrimonio d’amore che aspetta solo di essere consumato! 😉

salmone e crema di finocchi

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *