Semifreddo ai fiori di sambuco

L’ultima volta che siamo andati a trovare i miei genitori, ho deciso di rendere speciale e delizioso il pranzo della domenica con un dolce mai provato prima, ma che mi frullava per la testa da qualche giorno e che volevo assolutamente provare. A casa avevo due ingredienti buonissimi e perfetti per il mio dessert: uno sciroppo di fiori di sambuco biologico e delle meringhe fatte da me qualche giorno prima per non sprecare gli albumi avanzati dalla preparazione di una goduriosissima crema pasticcera. Mi mancavano solo altri due ingredienti e avrei avuto tutto quello che mi serviva per preparare un dolce freschissimo, delizioso, che ha conquistato tutti e che non vedo l’ora di rifare per la prossima cena in compagnia o per la prima merenda in giardino! 

Qualche parolina sulla scelta degli ingredienti. Soprattutto quando gli ingredienti di una preparazione sono così pochi, è fondamentale che siano di primissima qualità affinché il nostro dolce risulti straordinario! Quindi, occorre scegliere un gelato e una panna freschissimi e ottenuti da latte di alta qualità. Per quanto riguarda lo sciroppo, vi sconsiglio di acquistare la maggior parte delle marche che trovate in commercio, nelle quali l’aroma è ottenuto con additivi chimici e l’aggiunta di coloranti rende tutta la preparazione di un colore tristemente finto. Cercate uno sciroppo biologico, realizzato solo con ingredienti naturali e senza l’aggiunta di aromi artificiali. E, infine, le meringhe. Queste nuvolette candide, fragranti e che si sciolgono in bocca in pochi secondi hanno cominciato a comparire nella mia cucina pochi mesi fa (all’incirca dall’inizio di quest’anno), ma mi hanno subito conquistata: sono un modo super intelligente per recuperare gli albumi che avanzano quando prepariamo delle creme; se adeguatamente conservate in un contenitore di latta o in un altro contenitore ermetico, si mantengono per diversi giorni senza perdere la propria fragranza, e possono essere utilissime per improvvisare un dolcetto all’ultimo minuto. Mai sentito parlare della torta Pavlova? Io ne ho già un repertorio piuttosto vasto, che a breve condividerò anche con voi! 🙂 La ricetta che seguo sempre per preparare le mie meringhe la trovate qui. In alternativa, potete acquistarle in una qualsiasi pasticceria, ma secondo me vale la pena (che poi pena non è!) di cimentarsi, almeno una volta! 😉

Ingredienti:

500 g di gelato fior di latte di ottima qualità
300 ml di panna fresca
100 ml di sciroppo di fiori di sambuco bio
3/4 meringhe (meglio se homemade) spezzettate

Preparazione:

Per prima cosa togliere il gelato dal freezer, in modo che si ammorbidisca leggermente. Nel frattempo montare la panna (deve essere semi-montata, quindi non troppo ferma) e aggiungere 2/3 delle meringhe spezzettate grossolanamente con le mani. Trasferire il gelato in un mixer e unire anche lo sciroppo. Frullare il tutto finché i due ingredienti si saranno ben amalgamati (ci vorrà almeno un minuto).

Versare il gelato in una ciotola, unire la panna con le meringhe e mescolare delicatamente, cercando di non smontare la panna. Rivestire uno stampo da plumcake con la pellicola trasparente e versarci dentro il composto di gelato. Cospargere la superficie con le meringhe rimanenti, coprire con altra pellicola e mettere in freezer per tutta la notte.

Al momento di servire, sarà sufficiente togliere il semifreddo dal freezer con un paio di minuti di anticipo, ribaltarlo sul vassoio da portata (in questo modo le ultime meringhe che abbiamo aggiunto faranno da base fragrante al nostro dolce) e tagliarlo a fette. Squisito!

semifreddo sambuco 2

semifreddo sambuco

Non so perché, sarà per il colore candido, o per la presenza delle meringhe (a chi non è mai capitato di andare al ristorante con i parenti e di avere come dessert la classica torta meringata?) o per qualche altro motivo non meglio identificato, ma questo dolce, se adeguatamente presentato, magari con un po’ di frutta fresca tagliata a dadini e qualche ciuffetto di panna montata, mi sembra perfetto anche per festeggiare, ad esempio, il battesimo del proprio bimbo, qualora i genitori volessero offrire agli invitati un piccolo rinfresco a casa. Voi che ne dite? 🙂

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *