Riso nero con verdure al forno: dieta sì, ma con gusto!

Una ricetta semplicissima, davvero alla portata di tutti, che fa bene al corpo, fa venire il buon umore grazie ai bellissimi colori che la compongono, e che si può improvvisare all’ultimo momento, aprendo il frigo e scegliendo le verdure che più ci aggradano (o che sono più prossime al suicidio, diciamocelo..). Adoro il riso e in casa ne tengo diverse qualità: per risotti, per minestre, integrale, semi-integrale, Basmati, Venere.. e da un paio di giorni avevo voglia di riaprire il sacchettino di un buonissimo riso nero integrale, abbandonato da qualche tempo. Sarà che in questa stagione viene più voglia di risotti cremosi e fumanti (qualche idea qui, qui, qui e qui), ma era da un po’ che non facevo un semplice riso bollito (che detta così, non sembra neanche una brutta cosa..). Però sono giorni in cui tutti stiamo provando a rimetterci un pochino in riga, dopo i pranzi e le cene delle Feste, e la strategia migliore per raggiungere l’obiettivo è quella di seguire poche e semplici regole, che non hanno nulla a che vedere con i regimi alimentari proibitivi a cui tante persone ricorrono senza però ottenere i risultati sperati, se non una forte demotivazione e una probabile ricaduta negli eccessi. Le mie “regole” sono poche e semplici: 1) tanta verdura sia a pranzo che a cena: cotta o cruda, purché sia di stagione; 2) consumare prevalentemente cereali integrali e legumi, con cui creare dei golosi e super sazianti piatti unici; 3) bere molto, soprattutto acqua, the verde, decotti di limone, zenzero e alloro, possibilmente senza zucchero; 4) ridurre il più possibile il consumo di dolci, affettati, formaggi molto grassi o stagionati, e carni dalla cottura molto elaborata; 5) fare attività fisica ogni volta che possiamo: basta una passeggiata di 30 minuti a passo svelto (che nel weekend può diventare di un’ora o un’ora e mezza), meglio se fatta in compagnia di una persona cara, per attivare il nostro sistema linfatico e risvegliare il nostro metabolismo. Poche regolette, che di fatto vanno a definire la nostra dieta di tutti i giorni dell’anno, da seguire con serenità e senza troppe ansie da bilancia!   Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Risotto cremoso con salmone affumicato e.. buon 2017 a tutti!

Rieccomi finalmente! Che bellezza questo momento! Sono mesi che non scrivo e se tra matrimonio, viaggio di nozze, lavoro sempre più impegnativo in termini di trasferte e trasloco imminente, ho “giustamente” ritenuto di non avere molto tempo per fotografare e scrivere, beh, ammetto che questo angolino di web tutto mio mi è mancato moltissimo! Anche perché in casa Gandurra non sono mancati pranzi, cene e merende da leccarsi i baffi! Sono, però, stati mesi ricchi di studio e lettura, dove ho dato molto spazio (più di quello che do di solito) all’approfondimento di temi legati all’alimentazione sana, al perché ci sono dei cibi che vanno bene e altri che non fanno bene (concentrandomi sulla ragione chimico-scientifica che sta dietro alle affermazioni che circolano come mine vaganti in ogni dove sul web e fuori dal web), a quali sono i periodi della vita in cui abbandonare certe abitudini culinarie, e a come farsi del bene attraverso il cibo, ossia la medicina che, consapevolmente o meno, introduciamo nel nostro corpo almeno tre volte al giorno. In sintesi, quindi, ho letto, sfogliato, linkato, scaricato una valanga di materiale, ho cucinato un sacco, ho fotografato pochissimo, ho scritto niente. E così oggi ricomincio, con una ricetta che adoro, che mi fa stare bene e il cui spunto nasce dalla cena di capodanno, quando due carissimi amici, Francesca e Stefano, ci hanno invitati a casa loro per festeggiare le ultime ore dell’intenso e impegnativo 2016. Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail