Galette alle pesche e l’inizio di un nuovo capitolo

Rieccomi qui, finalmente sono riuscita a ritagliarmi qualche decina di minuti per annotare una nuova ricetta. In realtà, non avevo solo voglia di scrivere di cibo, ma anche di raccontare un pochino quello che sta succedendo da queste parti.. Domenica scorsa la nostra Mariachiara ha compiuto 9 mesi e ha così segnato la fine della sua esogestazione, i suoi primi 9 mesi fuori dalla pancia. Che dire, io sono stata tutto il giorno un po’ scombussolata, mi sembra impossibile che sia già così grande! Ormai chiama “mamma” e “papà”, gironzola per casa con una tecnica tutta sua, fa ciao-ciao, batte le manine, manda bacini, ha messo i primi due incisi superiori, ed è sempre più interattiva nei giochi che facciamo insieme! Essere mamma a tempo pieno (fortunatamente sono ancora in maternità) ti permette davvero di assistere ad una trasformazione epocale del tuo cucciolo, dal piccolo esserino indifeso che era al momento della nascita, a una personcina con il suo temperamento e le sue volontà ben chiare in testa! Per festeggiare la fine di questo capitolo e l’inizio di una nuova fase, fatta di scoperte, di ricerca di autonomia e di un progressivo distacco dalla mamma, ho pensato di preparare una torta che addolcisse le nostre colazioni dopo notti piuttosto movimentate e decisamente carenti di sonno. Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Fondente arricchito e Mariachiara, amore della mia vita!

Oggi è il 17 gennaio (e mi perdonerete se questo post in realtà è stato pubblicato con qualche giorno di ritardo). Esattamente tre mesi fa, pubblicavo l’ultima ricetta. Tre mesi fa, avevo un pancino che cominciava a farsi notare, bello rotondo, di cui ero più che innamorata! Per tanto tempo, durante la giornata, sentivo la mia creatura muoversi dentro di me, la sentivo scalciare, singhiozzare, strusciare la schiena contro le pareti del mio utero. E sono movimenti a cui non ci si abitua mai: anche se li senti per mesi, molte volte al giorno, anche se sono molto simili l’uno all’altro, ogni volta ti emozioni, ogni calcetto ha la propria personalità, ogni movimento può essere associato a un tuo immaginario stato d’animo del cucciolo, ogni singhiozzo (e quanti ne ha avuti.. persino durante il travaglio l’ho sentita singhiozzare!) ti fa sorridere e ti fa venire voglia di coccolare quel pancione, di cullarlo, per aiutarlo a passare. Tre mesi dopo, sono seduta sul divano, il pc appoggiato sulle gambe, la mia bambina avvolta nella fascia e stretta al mio cuore. Respira veloce, un pochino russa, poi il respiro si calma e diventa quasi impercettibile (al che capisci perché tanti genitori si fanno prendere dall’ansia del “ma sta respirando?”: perché davvero, il respiro di un neonato non si sente!). Però, tenendola così vicina a me, pancia contro pancia, seno contro testolina, senti tutto, ogni suo piccolo movimento, ogni minima vibrazione, e ti senti piena di una gioia e di un orgoglio che non possono essere descritti a parole! E così, in questo profondo stato di pace e beatitudine, magari ti viene voglia di scrivere due righe e di condividere un’idea carina (perché definirla ricetta mi sembrerebbe eccessivo) con cui ti stai coccolando tra una poppata e l’altra e che ha già ricevuto il plauso di mariti e nonni! Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

AVOTELLA: la mia mousse di avocado e cacao amaro

La ricetta più facile e veloce mai provata! Il web è ormai tempestato di queste creme a base di avocado e cacao, e io avevo voglia di trovare la mia versione. Quella che vi propongo oggi mi piace da pazzi perché non è troppo dolce e permette di apprezzare appieno il gusto del cacao! Io ho usato un cacao amaro crudo, ricchissimo di antiossidanti e di magnesio. Se poi non conoscete ancora i benefici derivanti dal consumo di avocado, vi lascio questo link, di fonte più che autorevole. Si tratta di una preparazione furbissima, perfetta per la merenda ma anche come dessert per il dopocena, servita con dei biscottini friabili (tipo lingue di gatto) e magari arricchita con granella di nocciole o pistacchi. Io la sto amando moltissimo, la considero una coccola deliziosa per lo spuntino di metà pomeriggio e non sono l’unica ad apprezzarla: anche la creaturina nella pancia mi fa capire il suo gradimento! 🙂

Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Rotolo ai pistacchi e cioccolato bianco per una festa speciale!

Eh vabbè.. se guardo la data dell’ultimo post pubblicato mi viene male: sono passati 5 mesi! Un record di assenza! E, in effetti, ho ricevuto diverse lamentele al riguardo.. Però ho una giustificazione validissima, oltre che meravigliosa! Da qualche mese, nel mio corpo non c’è più un solo cuore che batte, bensì due: il mio, appena appena più accelerato del solito, e uno piccolo piccolo, che però viaggia a 140 battiti al minuto! E così faccio un po’ di coming out e vi dico che sono da poco entrata nel settimo mese di gravidanza e che mentre scrivo queste righe il mio pancino, ormai tondo e bellissimo, si muove in su e in giù, a destra e a sinistra, sotto le spinte, calcetti e capriole di un esserino che al momento pesa meno di un chilo, ma che ama farsi sentire e fare tanta compagnia alla sua mamma! A volte mi sembra di avere letteralmente un pesciolino nel ventre, tanto sono fluidi, rapidi ed energici i suoi movimenti! Ma perché manco da così tanto da questo blog? Beh, diciamo che i primi mesi di gestazione non sono stati dei più semplici. Ho sofferto di iperemesi fino al quarto mese di gravidanza e per tutto questo tempo il poco che mangiavo (e che comunque non riuscivo a trattenere) consisteva in pastina/riso bollito, patate lesse, fette biscottate/crackers, pochissima verdura, e pochissimo altro. Sono stata tre mesi chiusa in casa, tra letto e divano, parecchio debilitata. Poi però le settimane sono andate avanti e, con l’arrivo dell’estate, questo malessere se n’è andato, regalandomi un quinto e sesto mese meravigliosi! Mi sono ritrovata piena di energie, con l’umore alle stelle, una persona completamente nuova e rigenerata! Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Muffin alle fragole con crema di anacardi

Dopo diversi post all’insegna del colore verde e del cibo salato, ecco un articolo dedicato a due mie passioni: i dolci e le fragole! Sono diverse settimane che il mio mitico ortofrutta propone delle fragole strepitose per profumo e dolcezza! Vengono dalla Basilicata o dalla Calabria e settimanalmente ne compro una cassettina con cui preparo delle macedonie espresse perfette da mangiare nel dopocena davanti a un bel film. Questa volta, invece, ho voluto prepararci un dolcetto sfizioso e, udite udite, vegano! In realtà non ho alcuna fissazione per questo stile culinario, anzi, ma capita spesso che a casa nostra si mangi vegano, più per caso che per una scelta deliberata. Questi muffin sono stati un esperimento decisamente riuscito e la farcitura con la crema di anacardi li rende un po’ meno scontati. Ci tenevo a spendere due parole circa un ingrediente che sto usando spesso negli ultimi mesi e che ho scoperto (almeno per quanto riguarda il suo utilizzo in cucina) grazie alla mia food blogger preferita del momento, Sarah Britton: l’olio vergine di cocco. Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail