Galette alle pesche e l’inizio di un nuovo capitolo

Rieccomi qui, finalmente sono riuscita a ritagliarmi qualche decina di minuti per annotare una nuova ricetta. In realtà, non avevo solo voglia di scrivere di cibo, ma anche di raccontare un pochino quello che sta succedendo da queste parti.. Domenica scorsa la nostra Mariachiara ha compiuto 9 mesi e ha così segnato la fine della sua esogestazione, i suoi primi 9 mesi fuori dalla pancia. Che dire, io sono stata tutto il giorno un po’ scombussolata, mi sembra impossibile che sia già così grande! Ormai chiama “mamma” e “papà”, gironzola per casa con una tecnica tutta sua, fa ciao-ciao, batte le manine, manda bacini, ha messo i primi due incisi superiori, ed è sempre più interattiva nei giochi che facciamo insieme! Essere mamma a tempo pieno (fortunatamente sono ancora in maternità) ti permette davvero di assistere ad una trasformazione epocale del tuo cucciolo, dal piccolo esserino indifeso che era al momento della nascita, a una personcina con il suo temperamento e le sue volontà ben chiare in testa! Per festeggiare la fine di questo capitolo e l’inizio di una nuova fase, fatta di scoperte, di ricerca di autonomia e di un progressivo distacco dalla mamma, ho pensato di preparare una torta che addolcisse le nostre colazioni dopo notti piuttosto movimentate e decisamente carenti di sonno. Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Dolcetti ebraici e… fiori, bouquet e fedi nuziali!

Da sempre, non amo i fiori recisi. Adoro camminare in montagna tra i sentieri fioriti, amo qualsiasi genere di pianta, di ogni forma, colore e sfumatura. Ma i fiori recisi mi hanno sempre fatto tristezza. Delle creature così belle, così eteree e perfette, destinate ad appassire nel giro di poche ore. E tanto per essere coerenti con noi stessi, anche al nostro matrimonio la scelta è ricaduta su qualcosa di diverso dalle classiche composizioni destinate al compost una volta che tutti gli invitati avranno abbandonato il luogo del ricevimento. Per decorare la sala di Villa de Mersi a Trento e alcuni tavoli del ristorante Prime Rose di Levico, abbiamo optato per delle orchidee bianche, bellissime, eleganti e sensuali al tempo stesso, presentate con dell’edera fresca, da regalare alle mamme e alle nonne una volta terminata la cerimonia. Solo il bouquet fa eccezione a questa scarsa simpatia per i fiori mozzati. E ironizzando su questo non-amore, qualcuno mi ha persino detto “beh, mica potrai andare a sposarti con un vaso in mano!”. Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Crumble integrale di cavoletti e zucca

Il mio primo e, fino a poco tempo fa, unico contatto con i cavoletti di Bruxelles risale ai primissimi anni di università e, quindi, alla mensa universitaria. Ricordo queste verdurine bollite, di un colore verde spento e tristissimo, e con un sapore tutt’altro che gradevole.. Beh, dopo il primo tentativo ho relegato i cavoletti nella lunga lista di cose da non prendere MAI in una mensa universitaria e la diffidenza verso questo ortaggio è durata per parecchio tempo. Poi è successo che i miei genitori abbiano deciso di piantare nell’orto di casa 3/4 piante di cavoletti, che hanno regalato un abbondante raccolto. Così, su consiglio di mamma e papà, ho deciso di accantonare i pregiudizi e di dare una seconda chance ai tanto temuti cavoletti, e devo ammettere che ne è valsa davvero la pena! Queste piccole palline verdi, infatti, non sono per niente male, e l’abbinamento con la zucca è decisamente vincente: il suo sapore dolce ed avvolgente completa alla perfezione quello più pungente e deciso dei cavoletti, rendendo armonioso ogni boccone! 🙂

Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Le crostatine del cuore…

Carine, vero? Queste crostatine le ho preparate in occasione di una serata molto speciale: dopo tre anni, ho rivisto una mia cara amica, che da tempo vive all’estero e con la quale ho trascorso i primi anni di università a Trento, tra lezioni, esami, pomeriggi di relax e cenette con gli amici. Elisa è venuta a trovarci in dolce compagnia di Enrico, un ragazzo molto carino con cui ha da poco iniziato una storia (incrocio le dita per voi, ragazzi!). Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Mille e una delizia…

È un sacco che non scrivo su questo blog e mi dispiace troppo! Certo, quando non lavoravo (a gennaio) questi articoli hanno rappresentato una meravigliosa valvola di sfogo per riempire le giornate in attesa della fatidica telefonata che mi informasse che il contratto da ricercatrice era finalmente pronto.. Poi il lavoro è arrivato e con lui le giornate si sono fatte sempre più dense, sempre più lontane da casa.. e la sera, tra pulizie, tra preparare la schiscetta per il giorno dopo e tra coccolare il mio meraviglioso fidanzato (passatempo di gran lunga preferito al presente blog.. mi dispiace per lui, “mais l’amour c’est l’amour..”), diciamo che i momenti per sedersi davanti al pc sono diventati sempre meno..

Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail