Crumble integrale di cavoletti e zucca

Il mio primo e, fino a poco tempo fa, unico contatto con i cavoletti di Bruxelles risale ai primissimi anni di università e, quindi, alla mensa universitaria. Ricordo queste verdurine bollite, di un colore verde spento e tristissimo, e con un sapore tutt’altro che gradevole.. Beh, dopo il primo tentativo ho relegato i cavoletti nella lunga lista di cose da non prendere MAI in una mensa universitaria e la diffidenza verso questo ortaggio è durata per parecchio tempo. Poi è successo che i miei genitori abbiano deciso di piantare nell’orto di casa 3/4 piante di cavoletti, che hanno regalato un abbondante raccolto. Così, su consiglio di mamma e papà, ho deciso di accantonare i pregiudizi e di dare una seconda chance ai tanto temuti cavoletti, e devo ammettere che ne è valsa davvero la pena! Queste piccole palline verdi, infatti, non sono per niente male, e l’abbinamento con la zucca è decisamente vincente: il suo sapore dolce ed avvolgente completa alla perfezione quello più pungente e deciso dei cavoletti, rendendo armonioso ogni boccone! 🙂

Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Crostata rustica con mele, miele e rosmarino

Un altro inno all’autunno e ai prodotti e sapori che lo rappresentano. 🙂 Credo non ci sia una famiglia che non abbia la propria, personalissima versione della torta di mele.. e credo che qualsiasi torta con le mele sia meravigliosa e squisita! E proprio per addolcire un pranzo in famiglia ho deciso di sperimentare un abbinamento forse inconsueto nelle preparazioni dolci, ma che ha conquistato tutti con il suo gusto originale e fresco: mele e rosmarino! Una rivelazione! Anche la scelta delle farine per la frolla, dello zucchero di canna e del miele ha contribuito a rendere questa crostata rustica e intrigante al tempo stesso. Ve la super consiglio per una merenda o per un dessert molto autunnali! 😉

Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Crepes salate con funghi e asparagi

Ricettina molto sfiziosa, molto comfort e, tutto sommato, molto semplice. La voglia di crêpes è venuta a Dade qualche sera fa, quando il frigo non trasmetteva grandi ispirazioni culinarie e quando la voglia di mangiare qualcosa di diverso era più spiccata del solito. E così mi sono messa ai fornelli, felice della cenetta che si prospettava da lì a poco. Una novità, rispetto alle volte precedenti, è stata la scelta di usare la farina integrale, oltre a quella bianca per preparare la pastella: il risultato è stato davvero ottimo! Le crêpes hanno assunto un bellissimo colore ambrato e anche il gusto ne ha guadagnato (ehi, ho fatto la rima!): molto rustiche, molto buone! 🙂 Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Torta salata alle cime di rapa

Qual è un buon modo per consumare oltre mezzo chilo di cime di rapa che da 3 giorni vegetano nel frigorifero? La soluzione per me più pratica è stata quella di preparare una torta salata molto semplice e super sana perché ricchissima di verdure e con il guscio di pasta brisé home-made. Ho già speso parecchie parole su quanto sia facile, sano e veloce preparare la pasta per le quiche in casa, quindi, bando alle ciance e mettiamoci a cucinare! 🙂 Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Pane home-made.. che è meglio!

Quando, da Modena, tornavo a Trento per trascorrere il weekend con Dade e nel freezer di casa sua trovavo quelle tristissime spaccatine, dalla crosta secca e dalla mollica ciungosa che, nonostante questo, vengono vendute a 3 euro al chilo (sono il pane più economico che si trova in commercio nella ridente cittadina montana), mi dicevo: “non appena torniamo a vivere insieme, ricomincio a fare il pane in casa!”. Detto fatto: casa nuova, forno nuovo, pane home-made, ma soprattutto hand-made! Ebbene si: nell’era degli impastatori elettrici e delle planetarie, io il pane continuo a farlo a mano, coccolando pazientemente l’impasto per una decina di minuti, prima di riporlo in una boule, coprirlo con la pellicola e “dimenticarlo” in frigo per almeno 24 ore! Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail