Cous cous di farro con verdure cocco-lose

Le verdure sono la mia passione e quelle primaverili sono veramente un’esplosione di dolcezza per il palato! Adoro i pisellini freschi, gli asparagi.. Qualche giorno fa, il mio ortofrutta di fiducia vendeva delle splendide taccole siciliane e l’ispirazione per questa ricetta è nata proprio lì, mentre la carinissima Giorgia ne metteva un paio di manciate in un sacchetto. Sapevo che il protagonista di questo piatto, assieme a tante splendide verdurine, sarebbe stato il latte di cocco che con la sua dolcezza non troppo invasiva e la sua cremosità non può davvero essere rimpiazzato con nessun altro ingrediente (e ve lo dice una che ha iniziato un blog di cucina per la mania di stravolgere le ricette rimpiazzando ingredienti a destra e a manca!). Per spezzare la nota dolce del piatto, niente è meglio di un po’ di zenzero fresco, balsamico e pungente al punto giusto, e di un pizzico (ma non troppo piccolo) di curry: io amo molto quello verde, leggermente piccante e profumatissimo! Infine, un po’ di croccantezza data dai filetti di mandorle e dai semini di sesamo e canapa. Consumare frutta secca e semi oleosi è salutare per tutti e, in particolare, per le persone che seguono regimi di dieta vegetariana e vegana, essendo ricchissimi di fibre, grassi buoni (i semi di canapa, per esempio, contengono il perfetto equilibrio tra Omega-3 e Omega-6) e minerali preziosi per l’organismo e le sue funzioni. Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

La mia pizza Gourmet

Qualche settimana fa, io e Dade siamo andati a Trento per trascorrere un pomeriggio passeggiando tra le vie del centro, gustando il primo gelato dell’anno, e per rivedere qualche amico. Con uno di loro, davanti a un caffè nel primo pomeriggio, ci siamo trovati a parlare di pizze gourmet. L’amico in questione ci raccontava di aver provato una nuova pizzeria in cui vengono proposti abbinamenti audaci e, a detta sua, non troppo riusciti, ma comunque spacciati per gourmet, con conseguente rincaro sui prezzi. Gourmet o meno, quello che vi propongo oggi è un abbinamento inedito (almeno per una pizza) ma davvero delizioso! Non mancano le mie adorate olive taggiasche: sono un ingrediente meraviglioso, carico di sapore e profumo. Vi consiglio di acquistare quelle sott’olio extra vergine di oliva: sono molto più saporite (e sane) di quelle in salamoia! Poi ci sono le zucchine: quelle che ho usato io arrivano dal sud Italia, sono piccole e sode, le prime della mia stagione. E per quanto riguarda la farcitura da aggiungere dopo la cottura, ho utilizzato due ingredienti che amo follemente e che consumo in gran quantità: spinacini freschi e avocado. I primi sono ricchi di ferro (vanno sempre conditi con succo di limone o di un altro agrume, in modo da facilitare l’assorbimento del prezioso minerale), teneri e carnosi: non mancano mai nelle mie insalate! Non sto a tediarvi circa i benefici nutrizionali derivanti dal consumo di avocado, ricco di fibre, grassi buoni, vitamine del gruppo B, vitamina K, potassio, vitamina E, vitamina C.. Ooopss, vi sto tediando! Noi lo consumiamo quasi quotidianamente, sotto forma di salsine da spalmare sul pane o per condire un piatto di pasta (un’idea golosissima la trovate qui), oppure a fettine per arricchire le insalate e i cereali integrali. È un frutto davvero versatilissimo e vi consiglio caldamente di iniziare ad usarlo nelle vostre ricette (se già non lo state facendo). Infine, come ultimo appunto nutrizionale, vi faccio notare come la presenza delle olive, degli spinacini e dell’avocado renda questa ricetta meravigliosamente alcalina. E anche qui, non vi annoio sul perché sia importante mangiare cibi alcalini e sui benefici per la nostra salute derivanti da questa scelta.. Vi dico solo che riuscire a coniugare ingredienti così squisitamente sani in un piatto ricco di gusto e golosità rappresenta per me la quinta essenza della cucina! Cheers! 😀 Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Torta salata primaverile e del buon auspicio

È la domenica di Pasqua. Il tempo fa il bischero, alternando momenti di pioggia battente (con buona pace per i miei vetri che ogni tre per due sono tutti bagnati) ai timidi tentativi di un sole che prova ad aprirsi un varco tra le nuvole basse e umide. Sono nella nostra nuova casa e questo è, a tutti gli effetti, il primo post che scrivo dopo il trasloco. Ci siamo un pochino allontanati dalla città per poter godere di spazi molto più ampi a prezzi enormemente più ridotti. La casa è splendida e piena di luce. Ho una cucina da sogno e la vista sulle montagne circostanti è favolosa. Come dicevo, è la domenica di Pasqua, sono le 18 ed è da ieri che ho voglia di prendermi un’oretta tutta per me e per questo sito. Questo giorno di festa non ha per me alcun valore religioso o simbolico, essendo atea e totalmente estranea ai riti e alle tradizioni che gravitano attorno a questo giorno. Ieri sera ascoltavo inorridita il notiziario locale che enunciava a gran voce come il consumo di agnelli e capretti fosse ancora molto presente e diffuso nell’allegra provincia autonoma, e un profondo senso di disgusto mi ha colpito la bocca dello stomaco. Sarà che di mio ho sempre mangiato pochissima carne (poco pollame e un po’ di macinato nel ragù e nelle polpette); sarà che da diverse settimane ho sposato un’alimentazione vegetariana; sarà che mi sono innamorata di questa ragazza qui, dei suoi libri e dello stile culinario che propone (ho sperimentato almeno dieci sue ricette.. magari ne posterò qualcuna tradotta in italiano visto che i libri e il blog sono in inglese); sarà che nelle lunghe passeggiate che faccio con Dade capita spessissimo di raggiungere prati recintati dove caprette, conigli e asinelli brucano l’erba e si avvicinano ai passanti nella speranza di ricevere qualcosa da sgranocchiare.. Saranno tutte queste cose insieme, fatto sta che il nostro weekend lungo è stato all’insegna del cibo green e super sano, e la torta salata che ho preparato venerdì pomeriggio è decisamente il fiore all’occhiello di questi giorni! Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Pizza del weekend con zucca, radicchio, zola e noci

Quando arriva il weekend, in casa Gandurra scatta la voglia di quello che sicuramente per Dade rappresenta il comfort food per antonomasia: la pizza! Rigorosamente fatta in casa, con farina di farro, l’inimitabile passata di pomodoro di nonna Dina e solo ingredienti freschi, di qualità e di stagione. Amiamo la pizza, ce la concediamo una volta alla settimana, solitamente il sabato a pranzo. Per me, si gioca il podio nella lista dei cibi comfort assieme al risotto (di qualunque tipo, li adoro tutti) e alla vellutata di zucca. Fare la pizza in casa, rappresenta da sempre un momento di festa e di una gioia che inizia già il venerdì sera, quando si comincia a fantasticare sulla farcitura dell’indomani. Inoltre, in occasione del matrimonio, alcuni amici ci hanno regalato una macchina per il pane che ci ha letteralmente fatto innamorare: è la IMETEC ZERO GLU, da noi ribattezzata Albert (in onore del miglior pizzaiolo della città!), che da qualche mese ci aiuta a conciliare ritmi e trasferte di lavoro sempre più intensi, con l’incrollabile desiderio e testardaggine di voler panificare in casa. Inizialmente ero dubbiosa circa questo genere di prodotti: da anni, ero abituata a fare il pane a mano, con lievitazioni lunghissime che mi permettevano di usare poco lievito. Ma mi sono dovuta ricredere, perché nonostante la lievitazione di Albert sia decisamente più breve rispetto a quella che facevo in precedenza, le dosi di lievito da utilizzare sono comunque bassissime e il risultato è davvero meraviglioso!  Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail

Crema di cannellini con funghi e alloro

Ormai ce l’hanno detto in tutti i modi: noi, popolo occidentale, dobbiamo assolutamente e senza possibilità di contestazione, ridurre e limitare il nostro consumo di carne e, in generale, di proteine di origine animale. E io mi trovo pienamente d’accordo con questa politica alimentare! Non sono vegetariana e non credo lo diventerò mai (amo il mio ragù.. lo amo davvero tanto!). Io sono una di quelle persone che ama sposare la filosofia saggia e intramontabile di ogni mamma e nonna di buon senso: un pochino, ma di tutto! Evitare gli eccessi, bilanciare i vari pasti della giornata con tutti i nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno e, soprattutto, selezionare molto accuratamente gli ingredienti che portiamo ogni giorni sulle nostre tavole. La chiave sta proprio qui: nella scelta consapevole e attenta della materia prima che acquistiamo e nella volontà di spendere qualche minuto di più alla settimana per selezionare con calma il nostro cibo. Io mangio poca carne perché non ne sono una grande amante, mentre adoro il pesce, che consumo molto più spesso Tuttavia, mi piace variare settimanalmente la mia dieta, integrandola e arricchendola con proteine vegetali, presenti soprattutto nei legumi (ma anche nella quinoa, nelle mandorle, negli ortaggi a foglia verde scuro e nei semi). Ricette a base di legumi non sono nuove in questo blog (date un occhio qui, qui e qui), e questa è un’altra idea davvero squisita per imparare a conoscere ed apprezzare questi meravigliosi ingredienti.  Continua a leggere

Condividi questo articolo!
Facebooktwittergoogle_plusmail